Home News Associazione Dal 1920 al servizio dei ciechi e degli ipovedenti per una società inclusiva

Dal 1920 al servizio dei ciechi e degli ipovedenti per una società inclusiva

Dal 1920 al servizio dei ciechi e degli ipovedenti per una società inclusiva
0
0

Fondata nel 1920 da Aurelio Nicolodi, che, dopo la perdita della vista in battaglia (1915),  a Firenze visse ed operò per l’emancipazione dei ciechi, oggi l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (U.I.C.I.) è un Ente con personalità giuridica di diritto privato; rappresenta e tutela gli interessi morali e materiali dei minorati della vista presso le pubbliche amministrazioni e tutti gli enti o istituzioni che si occupano di educazione, assistenza, e di ogni altro aspetto riguardante la qualità della vita dei cittadini.

La UICI è collegata con la rete europea e mondiale dei ciechi, e con la organizzazione mondiale per la salute attraverso l’agenzia internazionale per la prevenzione della cecità.

Ha sedi su tutto il territorio nazionale e 11 sedi in Toscana.

Collaboriamo con la stamperia Braille della Regione Toscana e con la scuola cani guida di Scandicci, anch’essa gestita dalla Regione Toscana, e con il centro di consulenza didattica specialistica di Firenze, che fa parte della Biblioteca Italiana per i ciechi con sede in Monza.

Chiunque può rivolgersi a noi per chiedere:

  • informazioni su servizi e agevolazioni nei vari settori: educazione, assistenza, lavoro, ausili tecnologici, trasporti;
  • patronato e consulenza legale;
  • aiuto pratico per piccole incombenze;
  • ricerca di residenze protette;
  • ricerca di volontari in servizio civile;

Nel tempo l’Unione ha creato servizi collaterali, per supplire alle carenze degli Enti pubblici.

  • Libro parlato, per ciechi e per persone con difficoltà di lettura, grazie anche ai donatori di voce: con circa 30 mila titoli letterari e scientifici;
  • Biblioteca per ciechi di Monza, con testi in Braille letterari, scientifici e musicali, testi elettronici e a caratteri ingranditi per ipovedenti;
  • i due Centri Regionali per l’Educazione e la Riabilitazione Visiva di Firenze e di Pisa;
  • i centri per la riabilitazione visiva di Arezzo e di Siena;
  • l’Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.), ONLUS;
  • l’Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi (U.N.I.Vo.C.), organizzazione di volontari, concepita per coloro che desiderano dedicare parte del loro tempo alla soluzione di alcuni problemi, con i quali si confrontano quotidianamente i ciechi (soprattutto anziani e coloro che vivono soli);
  • i Gruppi Sportivi, che si prefiggono di facilitare la pratica sportiva da parte dei minorati della vista in diverse discipline.
  • L’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità.

Fonte Unione italiana ciechi e ipovedenti regionale

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *