Home Le Meraviglie della Toscana Le Meraviglie della Toscana: La Torre di Pisa

Le Meraviglie della Toscana: La Torre di Pisa

Le Meraviglie della Toscana: La Torre di Pisa
0
0

La Torre di Pisa (popolarmente torre pendente e, a Pisa, la Torre) è il campanile della cattedrale di Santa Maria Assunta, nella celeberrima Piazza del Duomo di cui è il monumento più famoso per via della caratteristica pendenza, simbolo della città e fra i simboli iconici d’Italia.

Si tratta di un campanile a sé stante alto circa 56 metri (58,36 metri considerando il piano di fondazione) costruito nell’arco di due secoli, tra il dodicesimo e il quattordicesimo secolo. Con una massa di 14.453 tonnellate, vi predomina la linea curva, con giri di arcate cieche e sei piani di loggette. La pendenza è dovuta a un cedimento del terreno sottostante verificatosi già nelle prime fasi della costruzione.

L’inclinazione dell’edificio misura 4,8° rispetto all’asse verticale. La torre è gestita dall’Opera della Primaziale Pisanaente che gestisce tutti i monumenti della piazza del Duomo di Pisa. È stata proposta come una delle sette meraviglie del mondo moderno.

I lavori iniziarono il 9 agosto 1173. Come era solito fare con i fari e con le costruzioni adiacenti al mare in genere, le fondamenta vennero lasciate a riposare per un anno intero. Alcuni studi attribuiscono la paternità del progetto all’architetto pisano Diotisalvi, che nello stesso periodo stava costruendo il battistero.

La prima fase dei lavori fu interrotta a metà del terzo piano, a causa del cedimento del terreno su cui sorge la base del campanile. La cedevolezza del terreno, costituito da argilla molle normalconsolidata, è la causa della pendenza della torre e, sebbene in misura minore, di tutti gli edifici nella piazza. I lavori ripresero nel 1275 sotto la guida di Giovanni di Simone e Giovanni Pisano, aggiungendo alla costruzione precedente altri tre piani. Nel tentativo di raddrizzare la torre, i tre piani aggiunti tendono a incurvarsi in senso opposto alla pendenza. Il campanile fu completato alla metà del secolo successivo, aggiungendo la cella campanaria.

La struttura del campanile incorpora due stanze. Una alla base della torre, nota come Sala del Pesce, per via di un bassorilievo raffigurante un pesce. Tale sala non ha soffitto, essendo di fatto il cavo della torre. L’altra invece è la cella campanaria, al settimo anello. Delimitata dalle mura del camminamento superiore, è anch’essa a cielo aperto e al centro, tramite un’apertura, è possibile vedere il pian terreno della torre. Sono inoltre presenti tre rampe di scale: una ininterrotta dalla base fino al sesto anello, dove si esce all’esterno; una, a chiocciola più piccola che porta dal sesto anello al settimo; infine una ancor più piccola, sempre a chiocciola, che porta dal settimo anello alla sommità.

Sebbene sia la più famosa, il campanile di Santa Maria Assunta non è l’unica torre pendente a Pisa: il suolo costituito per lo più da sabbia e argilla è causa dell’inclinazione di altre due torri campanarie, oltre a diversi edifici: il campanile della chiesa di San Nicola, all’estremità opposta di via Santa Maria, vicino al Lungarno, che manifesta un’inclinazione di 2,5 gradi, e il campanile della chiesa di San Michele degli Scalzi (in questo caso anche la chiesa è pendente), a metà strada del viale delle Piagge (lungofiume situato nella parte est della città), che risulta inclinato di 5 gradi.

Fonte Wikipedia

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *