Home News Musica I Bee Gees raccontati da Roberta Maiorano

I Bee Gees raccontati da Roberta Maiorano

I Bee Gees raccontati da Roberta Maiorano
0
0

La prima biografia italiana sui Bee Gees porta la firma di Roberta Maiorano. La giornalista ha realizzato un’opera doverosa su una delle band più significativa della musica pop e disco, analizzando tutta la storia e discografia.

Stayn’ Alive – La storia dei Bee Gees è il libro di Roberta Maiorano pubblicato da Arcana (25 euro). Un’opera di 480 pagine, ricca e completa, che ripercorre la storia dei fratelli Gibb dai loro esordi negli anni ’60 fino agli anni ’00, con la triste scomparsa di Maurice e Robin. Un volume che ogni appassionato di musica dovrebbe leggere, soprattutto per capire l’importanza che il trio ha avuto nella storia della musica pop, con una storia fatta non solo da “La febbre del sabato sera”, ma caratterizzata da album innovativi e sperimentali. Ecco cosa ci ha raccontato l’autrice. Dopo il lavoro che hai svolto, che idea ti sei fatta della personalità dei tre fratelli Gibb? A tuo avviso se non ci fosse stata la prematura scomparsa di Maurice (e in seguito anche di Robin), il gruppo avrebbe continuato a produrre album?
Barry è sempre stato al timone della squadra, un musicista completo, dallo straordinario talento compositivo, con una forte personalità, spesso in conflitto con Robin, il paroliere ricco di idee particolari e dotato di una vocalità talmente bella e unica da commuovere. Maurice ha sempre amato definirsi ‘l’uomo nel mezzo’, dal carattere più docile e incline alla pacificazione. Un grande arrangiatore, un uomo incredibilmente divertente e generoso, anche se spesso schiacciato tra le istrioniche personalità dei fratelli. Posso azzardare una mia idea: se Maurice non avesse trovato la morte a soli 53 anni, i Bee Gees sarebbero durati almeno fino al maggio del 2012, quando un cancro ha portato via anche Robin.

E ora vogliamo la tua Top 5. Indicaci i tuoi 5 brani e i 5 album preferiti dei Bee Gees.
Trovo la cosa incredibilmente difficile, data la grande quantità di brani che ho amato, ma ci proverò lo stesso. Nella mia ideale playlist di singoli non possono mancare nell’ordine How Deep Is Your Love, I Started A Joke, Odessa, You Win Again e Night Fever. Proviamo con gli album, ma anche qui la lotta è dura: BEE GEES’ 1ST, MAIN COURSE, SPIRITS HAVING FLOWN, ODESSA, CHILDREN OF THE WORLD.

Nella tua carriera hai realizzato libri su Simon & Garfunkel, Beach Boys e tanti artisti italiani, come Lucio Dalla, Eros Ramazzotti e Laura Pausini. Su quali artisti ti piacerebbe scrivere una biografia?
Dopo un lavoro del genere, è difficile oggi dirti di quale altro artista desidero scrivere una biografia. Ci sto ancora pensando, ma penso anche a qualcosa che non riguardi necessariamente né il genere letterario della biografia e forse nemmeno il tema musicale, anche se il mio amore per la storia della musica prende spesso il sopravvento. Sogno di scrivere un romanzo, ma lo farò a tempo debito, le idee sono tante e ci sto pian piano lavorando. Vedremo cosa mi riserveranno questi mesi.

 

L’intervista completa la potete trovare su: Musicalnews

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.