Home News Attualità La dieta di maggio e dei mesi caldi: i consigli della nutrizionista Chiara Pagliai

La dieta di maggio e dei mesi caldi: i consigli della nutrizionista Chiara Pagliai

La dieta di maggio e dei mesi caldi: i consigli della nutrizionista Chiara Pagliai
0
0

I mesi più caldi dell’anno sono oramai ad un passo e, come abbiamo già potuto vedere in queste ultime settimane, clima, abitudini e alimenti stanno variando sempre di più e sempre più lo faranno. Prossimamente infatti si prospetta una possibile e graduale riapertura in Italia, con conseguente allentamento delle misure restrittive attualmente in vigore a causa del Covid. E così ancora una volta la vita di tutti potrebbe cambiare.

Per capire come affrontare al meglio queste variazioni che probabilmente coinvolgeranno la nostra vita, abbiamo chiesto aiuto alla Dottoressa Chiara Pagliai, nutrizionista, che ci ha illustrato quale sia il modo adeguato di modificare le nostre abitudini in questo periodo dell’anno.

Siamo arrivati a maggio, l’estate si avvicina e presto potrebbe tornare la possibilità di svolgere alcune attività. Come si può adattare la dieta a questi cambiamenti?

In tutte le diete, dal momento che i percorsi solitamente sono piuttosto lunghi, in questo periodo la cosa più frequente è il cambio di menù. Si deve adattare il tipo di piano alimentare a ciò che è di stagione, come verdura e frutta: introdurre insalata, asparagi, spinaci e ciò che si trova di più in questo periodo dell’anno.
Spesso a noi nutrizionisti viene chiesto di togliere dalla dieta le minestre calde, che non si sposano bene con il clima. Come soluzione è possibile proporle in versione fredda, accompagnando magari le portate ad un contorno che può essere grigliato, cotto o anche crudo. Le verdure inoltre hanno anche un importante effetto “detox”: servono infatti a togliere dal nostro organismo alcune tossine che accumuliamo in inverno.

L’idratazione assume ancora più importanza in questo periodo dell’anno. Come comportarsi?

Innanzitutto si può aumentare l’idratazione aumentando l’assunzione di frutta e verdura, che sono ricche di acqua. Soprattutto però l’idratazione va incrementata fuori dai pasti. Molte persone affermano di avere difficoltà a bere in orari lontani dai pasti; per loro potrei consigliare delle tisane, magari alle erbe o ai frutti, anche fredde. I succhi di frutta invece sono ricchi di zuccheri, non li consiglierei. Via libera invece alle centrifughe o ai frullati di frutta e verdura: come dicevamo, anche così si ottiene un buon effetto detox.

E’ un periodo in cui esplodono o sono già esplose diverse allergie. Come aiutarsi con l’alimentazione?

Si possono scegliere cibi che contengano meno istamina, perché si può avere una cross-reaction: l’assunzione di alimenti contenenti alti livelli di questa sostanza può portare all’aumento delle reazioni allergiche. E’ bene quindi evitare o ridurre i pomodori, le noccioline, i gamberi, la frutta secca. Questi alimenti vanno assunti in quantità ridotta in determinati periodi dell’anno se sappiamo di essere allergici.

Si avvicina, norme anti-Covid permettendo, la prova costume…

Anche per quella valgono le indicazioni date. Ovviamente con un maggior svolgimento di attività fisica si deve prestare ancora più attenzione all’idratazione e ad avere un corretto bilanciamento di proteine e carboidrati. In inverno si tende ad un accumulo maggiore di carboidrati, in estate è meglio assumere più proteine per “asciugarsi”.

Infine una domanda che riguarda l’alimentazione dei più piccoli

Puntare sempre su pasti leggeri, introdurre frutta. In questo periodo dell’anno c’è anche molta più scelta e si può provare quindi ad introdurre nell’alimentazione dei nostri bambini nuovi frutti e nuove verdure. Si può provare a facilitarne l’assunzione anche attraverso consistenze diverse, ad esempio con dei frullati. Poi è importante non far mancare carne, pesce, uova e legumi e assumere anche yogurt greco, ricco di proteine. Fare sempre cinque pasti al giorno e non saltare mai la colazione.
E’ ovviamente salutare far combaciare questa alimentazione con un’adeguata attività fisica.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.