Home News Musica Alberto Bettin & Gli Implacabili – L’impossibile l’imprevedibile (Guttember Music / Caligola Records) garbato pop jazz cantautorale per sbirciare sotto le pezze e vedere il sedere!

Alberto Bettin & Gli Implacabili – L’impossibile l’imprevedibile (Guttember Music / Caligola Records) garbato pop jazz cantautorale per sbirciare sotto le pezze e vedere il sedere!

Alberto Bettin & Gli Implacabili – L’impossibile l’imprevedibile (Guttember Music / Caligola Records) garbato pop jazz cantautorale per sbirciare sotto le pezze e vedere il sedere!
0
0

Proprio nei giorni in cui si celebra il compleanno di Yellow submarine, con un certo ritardo riesco a recensire questo disco dalla grafica interessante e naive, perche’ la paura ronza nelle orecchie di chi prega.

Bei testi, appoggiati su un tappeto sonoro apparentemente leggero. Disco suggerito a chi segue i Beatles (quelli della band diretta dal Sgt.Pepper), Pino Marino e Samuele Bersani.

Mi ricordo del suo brano Come due somari tra i finalisti della nona edizione del festival Musica Controcorrente di cinque anni fa: se non erro, il suo nome uscì proprio fuori dalle scelte fatte da Samuele Bersani, a dimostrazione di un certo legale tra i due.

Indubbiamente questo suo bel disco è velato da garbata ironia ed un buon ruolo hanno Gli implacabili ovvero Alvise Forcellini, Salvatore Pinello e Niccolò Romanin: quello che riescono a realizzare è un lavoro discografico che è meno paludato di certo pop jazz cantautorale che è di moda in Italia negli ultimi lustri. Quasi anacronisticamente, potrebbe piacere più ai fans dei Beatlesche a quelli di Sergio Cammeriere.

Detto che anche il suo aspetto fisico va a rafforzare l’idea di trovarsi davanti ad un ragazzone, facciamo subito i complimenti al buon lavoro svolto a Primigenia produzioni musicali, struttura che ha cercato di ottenere recensioni non da tutti, ma da testate di qualità e che hanno voglia di ascoltare tutto un disco, piuttosto che fare il copia/incolla di un precedente comunicato stampa. A questo aggiungiamo il simpatico e professionale lavoro dedicato al package, fin troppo ricco, pieno di stelline e dove emerge la grafica dell’artista inglese Jim Stoten: dalle note di copertina, noto che è stato registrato da Mario Marcassa agli attivi Cat Sound Studio di Badia Polesine. Nello stesso studio (con annessa etichetta discografica), mi ricordo che anche Claudio Ferrigato alias Maredomini registra i suoi dischi, visto l’ambiente accogliente che esiste.

Un brano come L`italiano fiero ha una verve gradevole, dove l’universo cartoonesco di Bettin trova il modo di giocare su temi importanti, raccontando che ..L’italiano vero va in malora e non lo sa! Drammatica riflessione dell’attuale, soprattutto se considerate che il disco è stato registrato molto prima delle ultime tornate elettorali!

Tra stelle, fotografie del reale, gusto per i fumetti, indubbiamente L’impossibile l’imprevedibile vive di un tripudio di colori che cromaticamente ogni strumento ( tromba, trombone, fisarmonica, archi, clarinetto, contrabbasso, chitarra elettrica.. ) porta in dote, quasi fosse ammantato il tutto da un sapore bandistico; questo ovviamente ci riporta alla mente il Sgt Pepper e tutto il mondo scanzonato dei Fab Four .. Trovo assai divertente un brano come Nonostante, a metà tra una confessione cattolica ed un litania ante literam, raccontando che …mi ostino anche se canto come un cane… continuo ad abbaiare.

 

Fonte: Musicalnews

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.