Home medicina Fondazione ANT e Villa Donatello insieme per il Progetto Testicolo ANT La potenza è nulla senza un controllo

Fondazione ANT e Villa Donatello insieme per il Progetto Testicolo ANT La potenza è nulla senza un controllo

Fondazione ANT e Villa Donatello insieme  per il Progetto Testicolo ANT  La potenza è nulla senza un controllo
0
0

Fondazione ANT e Villa Donatello hanno presentato oggi un nuovo progetto ANT di prevenzione secondaria: il Progetto Testicolo che mira a diagnosticare in fase precoce eventuali condizioni predisponenti allo sviluppo di patologie testicolari e/o di noduli per cui si rendano necessari ulteriori approfondimenti.

Il progetto testicolo ANT, a livello nazionale, prevede l’esecuzione di visite testicolari con ecografia scrotale in uomini dai 18 ai 40 anni d’età – ha detto la Dr.ssa Silvia Leoni, Coordinatore Sanitario Ant Toscana – ma con le giornate organizzate a Villa Donatello, che sono iniziate a fine aprile, si è scelto di mirare ad una fascia d’età ancora più ristretta, quella dai 18 ai 22 anni, organizzando le visite per i ragazzi di tre società sportive che in questi anni hanno collaborato con Fondazione ANT per varie iniziative: Fiorentina Primavera, Scandicci Calcio e I Medicei Rugby. L’idea di questo Progetto è nata a Brescia dove ANT ha organizzato visite analoghe con il contributo di tutte le società di rugby della città,colpite dalla perdita di un giovane giocatore affetto da tumore al testicolo e assistito dall’èquipe di assistenza domiciliare ANT.

Il cancro al testicolo rappresenta l’1-1.5% delle neoplasie maschili e il 5% delle neoplasie urologiche nel loro complesso – ha detto il Dr. Leonardo Guidoni, specialista urologo impegnato nelle visite del progetto a Villa Donatello  L’incidenza di questa malattia è di circa 10 nuovi casi per 100.000 individui l’anno con una crescita continua negli ultimi decenni, ma la mortalità è diminuita del 70% proprio grazie ai significativi progressi raggiunti con la prevenzione e con la terapia di questo tumore. Le nostre visite sono importanti perché possono identificare anche altre patologie maschili e fornire informazioni sui problemi di fertilità maschile. Così come è importante educare le ragazze all’autopalpazione della mammella, è altrettanto utile educare i ragazzi all’autopalpazione del testicolo.

Vorremmo coinvolgere Fondazione ANT – ha detto il Prof. Giorgio Galanti Direttore del Dipartimento di Medicina Sportiva di Careggi – nelle nostre visite di idoneità sportiva e costruire un progetto da proporre alla Federazione Medico Sportiva Italiana e al Coni, in maniera tale che si riesca a fare una vera informazione e sensibilizzazione dei giovani sull’argomento

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.