Home News Arte e Cultura Il Funambolo di Lucca ha trasformato la sua città in una tavolozza

Il Funambolo di Lucca ha trasformato la sua città in una tavolozza

Il Funambolo di Lucca ha trasformato la sua città in una tavolozza
0
0

Nato a Lucca e diplomato quasi con il massimo dei voti, Francesco Zavattari ha lasciato l’università e ha intrapreso la sua carriera facendo molteplici lavori come, tele, installazioni giganti, videoarte, regia teatrale e vari dipinti a mano avvicinandosi all’arte cubana. Il suo comune denominatore è la qualità. Una cosa la si fa se la si sa fare bene, altrimenti meglio non farla.

Per lui l’arte è sempre stata qualcosa di cui far parte, non solo di cui fruire, non si è mai sentito semplicemente uno spettatore, sentiva di avere sempre un certo legame con l’arte e per questo non è diventato un artista perché gli piaceva, ma perché sapeva di esserlo, se lo sentiva dentro di sè questo dono. O lo sei o non lo sei. E’ ciò che divide, in primis, la semplice passione dal professionismo.

Le opere di Zavattari – esposte in tutta Italia, e in buona parte dell’Europa come Polonia e Portogallo – mostrano molto chiaramente la sua passione e il suo legame con l’arte,lui trasformava ogni suo ricordo come un dipinto, come ad esempio la bellezza di ciò che lo circondava.

Accenna ai nuovi lavori: Tavolozze (una serie di piccole opere in miniatura realizzate su un supporto rigido, andato a battesimo a Roma) e (Mind)blowing («una serie scultorea che prevede opere di grandi dimensioni principalmente per spazi pubblici, fatto in modo che tutti potessero scoprire la sua arte in ambito cromatico e artistico.

Le sue opere sono state spesso ispirate dalla sua città natale, Lucca, che sia di notte o di giorno («ha il potere di trasformarsi in un luogo ancora più magico e senza tempo»), ma l’artista apprezza non solo l’ambiente, ma anche la gastronomia e le persone che la abitano. Egli apprende e prende tutto così da poterlo trasformare nella sua arte.

 

Fonte: Il Tirreno Lucca

 

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.