Home News Cronaca Per i due carabinieri con accusa di aver abusato sessualmente di due studentesse, il capo d’imputazione è cambiato

Per i due carabinieri con accusa di aver abusato sessualmente di due studentesse, il capo d’imputazione è cambiato

Per i due carabinieri con accusa di aver abusato sessualmente di due studentesse, il capo d’imputazione è cambiato
0
0

Nel Settembre scorso due studentesse americane che uscivano da una discoteca con un tasso alcolemico alto, sono state stuprate da due carabinieri approfittando del loro stato di incomprensione al momento. I due erano intervenuti con altre tre pattuglie per fermare una rissa, dopo erano di turno e in quel momento hanno incontrato le ragazze, le quali non trovando un taxi alle 4 di notte sarebbero salite a bordo dell’auto dei carabinieri per farsi accompagnare a casa, pensando di essere al sicuro con loro. I carabinieri le avrebbero portate fino al loro appartamento e li sarebbero state stuprate dai due.

Ieri 12 Luglio 2018, siamo tornati su questo fatto. l’ex carabiniere che è stato accusato di abuso sessuale, ha richiesto di essere processato con un rito abbreviato, cioè con la presenza dell’avvocato e del giudice solamente, senza persone esterne nella sala, il giudizio infatti si svolge esclusivamente sulla base dei risultati delle indagini svolte dalla Polizia senza che vengano sentiti testimoni. L’udienza avvenuta ieri mattina davanti al giudice, sarà ripresa l’11 ottobre con il cambio d’imputazione del collega del carabiniere accusato anche lui di abusi sessuali contro due ragazze in uno stato non conscio.

Dal certificato medico prodotto fatto dal medico della ragazza e poi dal suo avvocato, si confermato delle lesioni fisiche subite. Il secondo carabiniere era sempre stato accusato solamente di approfittante della minorata. Così il giudice ha fissato un’udienza il 19 Luglio per affidare una perizia sulle intercettazioni, mentre la era udienza, come scritto sopra, si terrà l’11 Ottobre.

Fonte: La Nazione; Firenze.Repubblica

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.