Home News Attualità L’alimentazione dei più giovani ai tempi del Covid: ecco i consigli della nutrizionista Chiara Pagliai

L’alimentazione dei più giovani ai tempi del Covid: ecco i consigli della nutrizionista Chiara Pagliai

L’alimentazione dei più giovani ai tempi del Covid: ecco i consigli della nutrizionista Chiara Pagliai
0
0

Quello che stiamo attraversando è un periodo storico molto particolare. La chiusura dei ristoranti e delle scuole, la permanenza forzata in casa e l’impossibilità di svolgere alcuni lavori hanno modificato le abitudini di molte persone. È quindi importante capire come mantenere un’alimentazione corretta in questo periodo. In particolare ci siamo rivolti alla situazione dei più giovani, bambini e ragazzi, che hanno ancor più necessità di un’alimentazione salutare. Per capire come comportarsi abbiamo quindi contattato la nutrizionista Chiara Pagliai che ci ha aiutato, tramite consigli e preziose informazioni, a capire come affrontare la situazione.

Dottoressa Pagliai, come sono cambiate le abitudini dei bambini in questo periodo?

“Ovviamente il tutto è strettamente legato al dover stare molto tempo in casa. I più piccoli vanno comunque a scuola, mentre i più grandi non più. Si può pensare per questi ultimi di diminuire leggermente la quota calorica a causa di una vita più sedentaria. Ma soprattutto, per i più piccoli, è importante dedicare del tempo alla preparazione del cibo, coinvolgendo dove possibile anche loro nello svolgimento delle ricette. Così facendo si può ottenere un doppio risultato: far sì che l’alimentazione sia corretta e avvicinare i giovanissimi agli alimenti sani. È possibile quindi cercare di trarre qualcosa di positivo da questo momento, facendo abituare i bambini ad avere a che fare con un modo salutare di alimentarsi”.

Come andrebbero ripartiti i pasti all’interno di una giornata?

“Andrebbero sempre consumati cinque pasti al giorno: la colazione, uno spuntino a metà mattinata, il pranzo, un secondo spuntino pomeridiano e la cena. Si può alleggerire un po’ il carico all’interno di questi pasti, ma è bene non saltarne nessuno. Inoltre andrebbero consumate cinque porzioni tra frutta e verdura durante il corso di una giornata”.

Spesso in questo periodo si parla di assumere integratori come la vitamina D, come ci si deve comportare a riguardo?

“Si parla appunto di integratori, quindi devono essere assunti come integrazione, in caso di bisogno. Se da alcune analisi ad esempio si evincesse che i livelli di alcune vitamine sono un po’ bassi, andrebbe bene procedere con l’integrazione. Ciò che non è da fare però è agire per “sentito dire” con il fai da te e abusare di alcuni integratori che potrebbero non essere necessari”.

La vita in queste settimane è ovviamente più sedentaria, come comportarsi con i più piccoli?

“Bisognerebbe cercare di far fare loro più movimento possibile, nei limiti di ciò che è consentito, magari con una passeggiata al parco o con attività simili. Questo per tutelare non solo il benessere fisico, ma anche quello psicologico”.

Prima di salutarci, ci può fornire alcuni esempi di piatti che potrebbero essere preparati e che possano essere utili per un’alimentazione equilibrata?

“Un’ idea potrebbe essere un hamburger di carne bianca e spinaci. Tritando la carne e inserendo gli spinaci con un po’ di olio ed un po’ di sale si potrebbe dare ai piccoli un piatto all’interno del quale oltre alla carne è già presente anche la verdura. Un altro esempio potrebbe essere una frittata con verdura e formaggio fresco, piatto solitamente abbastanza gradito. Anche il cous cous può rappresentare una buona idea, integrando al suo interno pezzetti di pollo e verdure tritate. Si tratta di ricette molto semplici e stimolanti da preparare anche in compagnia dei nostri bambini”.

Per quanto riguarda la merenda, la Dottoressa Pagliai (che ringraziamo molto per aver dato a noi e ai nostri lettori queste preziosi informazioni) ci ha fornito qualche consiglio tramite un’immagine che spiega in maniera simpatica alcune possibilità sane e nutrienti.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.