Home News Calcio Turchia-Croazia: Vida in campo con il Covid e sostituito all’intervallo

Turchia-Croazia: Vida in campo con il Covid e sostituito all’intervallo

Turchia-Croazia: Vida in campo con il Covid e sostituito all’intervallo
0
0

Abbastanza clamoroso quanto accaduto nella nazionale di calcio croata. La squadra, in campo ieri sera contro la Turchia, aveva nei suoi undici titolari un calciatore risultato positivo al Covid. Si tratta del difensore Vida, sostituito nell’intervallo appena si è scoperta la sua positività. La Croazia ha voluto fare chiarezza sull’accaduto con un comunicato nel quale ha affermato che nei test svolti per disputare la partita con la Turchia tutti i calciatori erano risultati negativi, ma che la positività di Vida è emersa in occasione dei test svolti per la partita che si disputerà sabato contro la Svezia, con i risultati arrivati soltanto durante l’incontro di ieri.

Di seguito il comunicato della federazione:

Dopo che tutti i giocatori e i membri dello staff sono risultati negativi nel test regolare di lunedì per la partita con la Turchia, mercoledì mattina è stato eseguito il test regolare per la partita con la Svezia. HNS ha ricevuto i risultati dei test ufficiali dopo la mezzanotte ora locale e hanno mostrato che il membro della squadra nazionale Domagoj Vida è positivo per il nuovo coronavirus.

Lo staff medico della nazionale croata ha ricevuto le prime informazioni al termine su un risultato potenzialmente positivo al termine dell’intervallo. Questa è una procedura di test comune e un risultato “sospetto” viene ritestato per confermare il risultato.

Poiché il selezionatore Zlatko Dalić aveva già deciso in quel momento di cambiare Vida, lo staff medico della squadra nazionale ha isolato Vida secondo tutte le misure epidemiologiche fino alla conferma dei risultati dei test.

Vida, secondo il regolamento, trascorrerà i prossimi giorni in auto isolamento a Istanbul.

Tutti gli altri membri della squadra nazionale e membri dello staff, risultati negativi al test, dovrebbero recarsi a Stoccolma. Si tiene conto che la squadra nazionale ha rispettato tutte le misure epidemiologiche, in conformità con il protocollo di ritorno al gioco della Uefa.

Oltre a Vida, un membro della delegazione HNS era positivo al SARS-CoV-2 e non era in contatto con membri della squadra nazionale o membri del personale“.

Fonte: hns-cff.hr

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.