Home le eccellenze di "ma che bontà" Le eccellenze di Ma che Bontà – Raffaella Cecchelli

Le eccellenze di Ma che Bontà – Raffaella Cecchelli

Le eccellenze di Ma che Bontà – Raffaella Cecchelli
0
0

Nella rubrica “Le eccellenze di Ma che Bontà”, oggi abbiamo avuto il piacere di parlare con una figura già ben conosciuta nell’ambito della ristorazione toscana. Apparsa diverse volte sul piccolo schermo, è molto amata da spettatori e clienti. Stiamo parlando di Raffaella Cecchelli, che con la sua Osteria “La Tana dei Brilli” a Massa Marittima si è conquistata, nell’ultimo ventennio, un posto importante nel panorama enogastronomico della nostra regione.

Praticamente nata nel mondo della ristorazione (i suoi genitori gestivano una trattoria), si è dedicata dall’età di 14 anni all’aiuto nell’attività di famiglia, alternando questo impegno con gli studi. Dopo la chiusura della trattoria, avvenuta nel 2000, Raffaella ha preso un po’ di tempo per riflettere sul suo futuro, fino a quando il richiamo della sua vera passione non è stato troppo forte. “Nel 2003 – ci ha raccontato – ho deciso di rimettermi in gioco e aprire una piccola osteria: la Tana dei Brilli. Il nome ‘Tana’ deriva dalle piccole dimensioni, è una sorta di rifugio, mentre ‘Brilli’ è un allegro riferimento al vino, che non può mancare, da bere in felicità e in compagnia. Oggi collaborano con me altre tre persone ed è il lavoro che amo di più, in cui metto tutta la mia passione”.

Marchio registrato nella prestigiosa guida Slow Food, La Tana dei Brilli è l’osteria più piccola d’Italia e offre un menù che sfrutta al meglio i prodotti del territorio. “La nostra – ha affermato Raffaella – è una cucina regionale che sfrutta il territorio. Non trattiamo il pesce, ma offriamo carne, cacciagione e verdure oltre a pasta, vino sfuso e dolci fatti in casa”. Alla richiesta di evidenziare un punto forte della proposta dell’Osteria, Raffaella non ha esitato: “Dico il nostro crostino toscano, che fa riferimento al concetto molto importante per noi di ‘comfort food’: mi ricorda quando ero bambina e mio papà me lo faceva preparare in trattoria. Al posto dell’acciuga e del cappero ci metto il fico secco e lo sfumo con il vinsanto, che dà un tocco in più. Questo piatto è disponibile per tutto l’anno ed è molto richiesto; ci sono persone che vengono da fuori a trovarci appositamente per gustarlo. In generale ci piace molto spaziare tra tradizione e innovazione. Un altro nostro piatto forte è il tortellone maremmano tirato a mano, con la sfoglia fatta dal mio compagno, anche lui cuoco”.

La Tana dei Brilli, però, non è soltanto ottima cucina. L’impronta di Raffaella nel locale è evidente, dall’arredamento all’accoglienza; sembra di essere a casa. Proprio su questo concetto Raffaella si è soffermata: “È molto importante sentirsi a casa. Passo la maggior parte del tempo nella mia osteria e voglio che i miei clienti si sentano ben accolti. Spesso viene definita una ‘bomboniera’ perché ci sono tanti oggetti, sembra di entrare in una cucina casalinga, è molto curata nel dettaglio”. Fondamentale per Raffaella è l’accoglienza: “L’ospite che entra dalla porta d’ingresso ci sceglie fra tanti e dobbiamo essere all’altezza della sua fiducia; deve entrare un cliente ed uscire un amico. Provo ad usare sempre questa mentalità e nel corso degli anni credo di aver ottenuto un buon successo”.

Un metodo di lavoro supportato da dolcezza e familiarità negli atteggiamenti, che ha permesso a Raffaella di raggiungere delle belle soddisfazione dopo una vita di lavoro: “Da cuoca autodidatta, come amo definirmi io, dopo 40 anni di esperienza e di lavoro ho raggiunto il palcoscenico della televisione nazionale. Questo non perché io sia più brava, ma perché probabilmente ho giocato bene le mie carte e sono stata fortunata”.
Soddisfazioni che sono arrivate anche attraverso diversi riconoscimenti ricevuti da La Tana dei Brilli: “Siamo su diverse guide: sulla guida Slow Food, sulla guida francese Routard, sulla Lonely Planet. Siamo ‘il locale del buon formaggio’, riconoscimento dato dalla Cheese a Bra, perché abbiamo una vasta scelta di formaggi italiani. Siamo menzionati anche su diversi giornali di cucina”.

Su sogni e progetti, Raffaella si è mostrata vulcanica e con le idee chiare: “Ho tantissimi sogni, il principale è quello di presentare una trasmissione di cucina tutta mia, senza però mettermi ai fornelli personalmente. Spero con la mia testardaggine di riuscire un giorno ad esaudirlo. Non smetto mai di sognare e penso che questa possa essere la mia carta vincente. Bisogna osare in tutti i campi: in cucina, magari inserendo un ingrediente diverso o particolare in un piatto, così come nella vita. Per quanto riguarda i progetti, ho da poco pubblicato il mio primo libro, uscito a ottobre: si chiama ‘Maremma che ricordi’ ed è un libro di ricette semplici e veloci, in cui ho cercato in piccola parte anche di raccontarmi personalmente”.

Le idee chiare, la capacità di osare e la risolutezza nel perseguire un obiettivo ci hanno portato a chiedere a Raffaella di dare un consiglio a coloro che volessero affacciarsi al mestiere della ristorazione. “È un lavoro – ha ammesso – che toglie tanto alla vita privata; bisogna essere predisposti a rinunciare a molte cose. I miei genitori ad esempio non hanno potuto passare molto tempo con me. Per lavorare in questo campo serve molta passione, bisogna faticare e sporcarsi, non pensare che la cucina sia quella che si vede in televisione. Serve spirito di sacrificio, che spesso è un po’ carente a causa di ciò che si vede in Tv. Un altro ‘ingrediente’ che non deve mancare è la fantasia: bisogna essere propositivi”.

Raffaella ha senza dubbio mostrato di avere le idee ben chiare sul mondo della cucina: nel suo ‘piccolo regno’, La Tana dei Brilli, non mancano sicuramente il buon cibo, la valorizzazione del territorio, l’allegria, l’accoglienza e il calore umano. Una tappa a Massa Marittima è dunque consigliata per andare a conoscere la Chef Raffaella Cecchelli e tutto il suo staff che, non abbiamo dubbi, vi accoglierà con affetto e vi farà sentire come a casa.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.